Puliamo il Mondo 2017.

Dal sito web dell'Associazione per il Parco Sud:

Puliamo il Mondo: 22, 23 e 24 settembre uniamo le forze per restituire bellezza e dignità ai luoghi che amiamo

19 settembre 2017

“Il 22, 23 e il 24 settembre migliaia di volontari lungo tutta la Penisola metteranno a disposizione della comunità il loro tempo per riqualificare spazi comuni sporchi e trascurati: torna Puliamo il Mondo, la storica iniziativa di volontariato ambientale nata in Australia e organizzata in Italia da Legambiente in collaborazione con la Rai.
Come ogni fine estate durante l’ultimo week-end di settembre i circoli territoriali di Legambiente insieme a numerosissime scuole, associazioni, comitati di quartiere, comuni, organizzano tre giornate di pulizie generali per liberare dai rifiuti abbandonati centri storici, strade e piazze di periferia, stazioni, parchi urbani.
Spazi resi inospitali dall'incuria e dalla maleducazione torneranno a vivere grazie ad uno straordinario sforzo collettivo. (...)

La nostra associazione sarà impegnata in quella di Porto di Mare, un angolo di Milano...”

(La locandina)

Fonte:
Associazione per il Parco Sud

Avviso Agicom sulle compagnie telefoniche.

E' apparsa oggi attraverso varie testate giornalistiche nazionali, la notizia del comunicato emesso dall'Agicom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) contro il metodo utilizzato dalle diverse compagnie telefoniche, sul pagamento a 28 giorni, approfittando in questo modo di guadagnare un mese in più rispetto all'anno fatto di dodici mesi.
LocateViva.it, propone anche da questo spazio di Partecipazione Civica Attiva, il comunicato dell'Agicom:

"AGCOM: SANZIONI AGLI OPERATORI DI TELEFONIA CHE NON RISPETTANO L’OBBLIGO DI CADENZA MENSILE DELLA FATTURAZIONE"

" L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, relatore il Commissario Francesco Posteraro,ha deciso di avviare procedimenti sanzionatori nei confronti degli operatori telefonici Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb per il mancato rispetto delledisposizioni relative alla cadenza delle fatturazioni e dei rinnovi delle offerte di comunicazioni elettroniche.

Al fine di garantire massima trasparenza e confrontabilità dei prezzi vigenti, nonché il controllo dei consumi e della spesa garantendo un’unità standard (mese) del periodo di riferimento delle rate sottostanti a contratti in abbonamento per adesione, con la delibera 121/17/CONS l’Autorità aveva infatti stabilito nel marzo scorso che per la telefonia fissa e per le offerte convergenti l’unità temporale per la cadenza delle fatturazioni e del rinnovo delle offerte dovesse avere come base il mese o suoi multipli. Al termine delle verifiche effettuate da Agcom,è risultato che gli operatori menzionati non hanno ottemperato alla delibera dell’Autorità.

Agcom sta inoltre valutando l’adozione di ulteriori iniziative, anche per evitare che le condotte dei principali operatori di telecomunicazioni possano causare un effetto di trascinamento” verso altri settori, caratterizzati dalle stesse modalità di fruizione dei servizi."

(Roma,14 settembre 2017)

Quì il comunicato stampa originale dell'Agicom.

Una Poesia

La poesia per Giulio Regeni, timido, vero eroe gentile ucciso dai Traditori di Tutti

(A Giulio e a quelli come lui vittime dei Traditori di Tutti perché cercavano verità)

Predoni spietati
Sempre in agguato,
Pronti a tutti
Inseguono il superfluo
E si vendono al diavolo,
Al potente di turno;
I traditori di tutti
Non dormono mai,
Instancabili inseguono
Gli Eroi gentili e timidi
Che al contrario di loro
Cercano verità

Stefano Mauri

La fonte da cui è stata raccolta e condivisa la Poesia di Stefano Mauri dedicata a Giulio Regeni è quì:

La settimana della legalità a Locate T..

Dalla pagina facebook del Comune di Locate, si condivide la proposizione di una iniziativa dedicata alla settimana per la legalità che vedrà la realizzazione di alcuni momenti di carattere culturale a cui hanno lavorato nel corso dell'anno scolastico le Scuole del territorio ed altri:

"I GIUSTI SIAMO NOI!"
Settimana della Legalità-Locate di Triulzi, 2/8 giugno 2017

"Il progetto che ha coinvolto per un intero anno Le Scuole del territorio, le Associazioni, tanti partner e ospiti speciali si conclude con una settimana straordinaria, dedicata alla Legalità. Con l'occasione, gli alunni e le alunne dell'Istituto Comprensivo Don Milani mostreranno i lavori realizzati nel corso di tanti mesi e varie saranno le iniziative organizzate per dare risalto al significato sociale e culturale de "I GIUSTI SIAMO NOI!": dalla Festa della Repubblica del 2 giugno, con la consegna della Costituzione Italiana ai diciottenni locatesi e una grande kermesse di musica e cibo presso il Parco della Pace allo spettacolo teatrale "U parrinu" di e con Christian Di Domenico, dalla caccia al tesoro in Piazza della Vittoria con i ragazzi del CCR e le ragazze della "Casa sulla Stazione" al Consiglio straordinario aperto a tutti in Auditorium per il conferimento della Cittadinanza Onoraria ai Giudici Di Matteo e Tartaglia, impegnati nel processo sulla Trattativa Stato-Mafia alla dedica del parco di via Bellini alla giornalista Ilaria Alpi, fino al film documentario su Antonino Di Matteo: "A very Sicilian Justice", che vedrà la partecipazione di Salvatore Borsellino... Aspettiamo tutta Locate per condividere il senso profondo della Giustizia e il valore innegabile della Democrazia ! "

Quì il Manifesto con il programma delle iniziative

Quì lo striscione di Solidarietà dedicato al dott. Nino Di Matteo

Per la Dignità del Diritto al Lavoro e il No ai Voucher !

 

Come semplice Cittadino italiano, quando ho avuto modo di assistere in maniera semidiretta, all'utilizzo discutibile e contestabile dei voucher, (metodo inizialmente creato per contrastare il lavoro nero) ho spesso espresso la mia critica in maniera aperta e diretta, anche in occasione di momenti pubblici e sopratutto, quando mi è accaduto vederne l'utilizzo discutibile da parte di occasioni delle istituzioni locali, quando hanno reso visibile un utilizzo particolarmente ad uso soggettivo e parziale ben interpretabile e qualificabile col metodo della modalità clientelare o in particolare di favore.

Il problema grande dell'uso contestato dei Voucher, è emerso quando nel privato si è approfittato di questa che doveva essere e restare una risorsa, è stata invece utilizzata in maniera furbesca, per creare situazioni di reale sfruttamento, nascondendo dietro l'utilizzo dei voucher, ore e ore di lavoro malpagate, sottopagate, con l'avvallo di una situazione che non ha eliminato lo sfruttamento da lavoro nero ma ne ha invece dato, l'alibi alla cancellazione dei diritti dei lavoratori, quando questi comunque, restavano sotto il ricatto: “se ti va bene è così, altrimenti avanti un altro”.

Il Governo di Renzi o del suo delegato a rappresentarlo Gentiloni, pur di non ritrovarsi a doversi misurare con la campagna referendaria e rischiare di subire una nuova e severa sconfitta, ha deciso di farli sparire apparentemente, visto che comunque, i voucher in uso rimangono ancora attivi fino alla fine dell'anno in corso. Ma, come nel gioco delle tre carte, in quest'ultimo periodo lì sta riproponendo, inserendo una nuova leggina nel calderone di quelle leggi, dove dietro quella più nota, vi si nascondono tutte quelle modifiche, apparentemente più piccole ma che devono accontentare le varie lobby, che navigano attorno al palazzo del potere, fra queste vale la pena ricordare anche, la penalizzazione del nuovo modo di viaggiare in Europa, attraverso l'uso della piattaforma internazionale Flixbus.

Ma per restare sui voucher e sul loro utilizzo furbesco, non può che rimanere oggi, la necessaria e giusta protesta di chi, in questi anni, ha denunciato l'uso scriteriato, pubblico e privato, e giustamente non può sopportare di essere raggirati, nell'assistere al cambio del nome e a quel metodo e farlo passare come una riforma necessaria, ignorando i milioni di lavoratori che hanno firmato per quel referendum cancellato, che mirava a ripristinare il rispetto della Dignità e dei Diritti di chi lavora, in un paese europeo che dovrebbe ritenersi civile e non portare invece ad una costante e diffusa precarizazione delle persone che chiedono un lavoro per vivere e per non ritrovarsi a veder rientrare come metodo sistematico, quello di elemosinare un lavoro qualsiasi, o ancora peggio, come quei lavoratori di quel ministero, costretti a raccogliere gli scontrini fiscali, per vedersi rimborsati per i loro tempo dato per lo svolgimento di servizi pubblici.