Una firma per la difesa del suolo !

Mancano ancora soltanto poche ore, per sottoscrivere la petizione ambientale europea per la difesa del suolo, mentre proprio in queste ore si sta assistendo all'ennesima tragedia annunciata del Bel Paese, provocata dalla devastazione ambientale, derivata dalle cementificazioni selvagge unite oggi ai cambiamenti climatici che ci stanno mostrando tutti gli effetti catastrofici a cui stiamo andando quotidianamente incontro.
Anche se purtroppo in ritardo, anche LocateViva.it aderisce e sostiene la petizione promossa da diverse Associazioni che si impegnano e occupano della difesa ambientale.
Si condivide inoltre uno stralcio dell'intervento pubblicato sul sito web dell'Associazione per il Parco Sud che invita a sottoscrivere la petizione:

EMERGENZA SALVA IL SUOLO

( Clicca il link per poter firmare la petizione)

Disastri e morti annunciate frane, alluvioni, terremoti non frenano il cemento: firmate

...C’è tempo solo fino al 12 settembre per firmare l’appello su salvailsuolo.it e chiedere finalmente all’Europa una legge sul suolo che ci protegga da nuove catastrofi e da un futuro incerto. Questa è la più grande iniziativa portata avanti dalle principali associazioni italiane ed europee a tutela di ambiente e cittadini
L’Italia sta consumando ogni giorno il suo bene più prezioso: il suolo. Il bene ambientale da cui tutti noi dipendiamo per ricavare cibo, salute, protezione, è sotto continua minaccia a causa dello sfruttamento selvaggio. Solo salvando il nostro suolo possiamo impedire nuovi disastri ecologici, alluvioni, frane, contaminazioni. E impedire che la cementificazione prosegua come nei decenni passati, senza riguardo per le risorse naturali e mettendo a rischio la sicurezza e la vita delle persone. Serve una legge che tuteli il suolo, subito, non possiamo aspettare ancora.
Per impedire l’ennesima catastrofe ambientale
Dobbiamo impedire la cementificazione del nostro territorio, perché cementificare equivale a impermeabilizzare il suolo, cioè privare il suolo di una delle sue funzioni più preziose, quella di trattenere le acque, delle piogge come dei nubifragi, sempre più frequenti anche a causa dei cambiamenti climatici. E soprattutto dobbiamo smettere di costruire a ridosso dei corsi d’acqua. O addirittura sopra i fiumi e i torrenti, come avvenuto Milano, in cui quasi ogni anno il torrente Seveso risorge dai tombini, o a GENOVA, città che ad ogni evento atmosferico deve fare la conta di danni e, spesso, anche di vittime, come avvenuto per l’alluvione del 2011 e per quelle del 2014. E purtroppo la conta delle vittime in questa città è drammatica: sono quasi 100 le vittime di alluvioni negli ultimi cinquant’anni. Ma è assurdo prendersela con Giove Pluvio: non sono vittime del maltempo, ma vittime del cemento.” ...

(Associazione per il Parco Sud onlus)

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS