Contro il raddoppio del ticket notturno in farmacia.

RADIOVIDEOBLOG - Con RadioVideoBlog, ho voluto riprendere la notizia circolata oggi, sulla decisione del Consiglio dei Ministri, di raddoppiare il costo del ticket dovuto per il sefvizio di farmacia notturna, un costo pesante che ricade sulle fasce più deboli costrette nei momenti di emergenza a doversi rivolgere a questo particolare servizio (ex sociale?)

" Raddoppiano le tariffe per l’acquisto dei farmaci nelle farmacie in orario notturno: il supplemento passa da 3,87 euro a 7,50. La novità è prevista dal decreto ministeriale del 22 settembre, pubblicato in gazzetta ed in vigore dal 9 novembre, come rileva Federfarma. Il sistema di tariffe non era stato adeguato da 25 anni. Il supplemento è di 10 euro per le farmacie rurali sussidiate (in comuni con meno di 3mila abitanti). Per le farmacie urbane e rurali non sussidiate (nei comuni con meno di 5mila abitanti), per le «dispensazioni di medicinali durante il servizio di turno notturno a battenti chiusi o a chiamata - informa Federfarma - è prevista l’applicazione di un diritto addizionale pari a euro 7,50». "
Continua a leggere dalla fonte diretta dell'informazione: La Stampa

Una Poesia di Franco Loi

 

Eravamo d'aria in un cielo di frasche
E dalla mura l'edera a ridacchiare,
e l'aria era il tempo, e lei diceva:
"La mia paura è quel tuo toccarmi!"
Passa una nuvola e guardo i miei pensieri,
un uccello zufola, e sento come un tremare.
Ho trattenuto il cuore, e lei diceva: "Ieri
La mia giovinezza ti moriva in braccio".
Null'altro mi pareva di ascoltare.
Taceva il tempo, e mi tenevo basso.

Eravamo d'aria in un cielo di frasche

Da: "Liber" (1988)

Quì il video: Umberto Fiori (ex Stormi Six) intervista Franco Loi al Poesia Festival 2015